Una foto del 74 che sembra oggi. I palazzinari, gli affari, le mafie e la disperazione

Pietro Orsatti

Sgombero a S. Basilio 1974 Tano D'AMICO

Una foto di Tano D’Amico, anno 1974. Sgombero di case occupate nel quartiere San Basilio a Roma, una donna incinta portata via da due poliziotti. Quarant’anni e ti ritrovi davanti uno scatto che sembra storia di oggi. Anzi, è oggi.

Guardiamo indietro a quell’anno. Da due anni si era arrivato a Roma Pippo Calò, ambasciatore plenipotenziario di Cosa nostra nella capitale. Facendo accordi e affari con i cravattari, la nascente Banda della Magliana, pezzi deviati degli apparti dello Stato, la P2, speculatori immobiliari e finanziari e qualche non marginale palazzinaro. E con ambienti politici che andavano dall’eversione nera fino a pezzi di forze di governo, Preparava, Pippo Calò, l’invasione della “roba”, il grande boom dell’eroina, gestiva soldi e affari, si faceva aprire linee di credito in prestigiosi istituti di credito sotto falso nome e ovviamente senza alcuna garanzia. Già c’erano a Roma i De Stefano da Reggio Calabria con rapporti…

View original post 752 altre parole

Annunci