A Roma la guerra di mafia continua.

20140609_c1_6

Via delle mangragore ore 19. In tre con una semiautomatica e un revolver sparano dieci colpi a Casimiro Nori. Centocelle, ieri. Poco lontano da piazza delle Camelie, dove nel 2008 fu ucciso “il Meccanico” Umberto Morzilli. Un’altra storia quella di Umbertino, questi sono “cani sciolti”, ha detto un investigatore. “Ma proprio per questo ancora più pericolosi della malavita che conta”. Ecco. E intanto a Roma si continua a spacciare e sparare. In pieno giorno.

Prendiamo per buona la dichiarazione saranno pure cani sciolti, ma sono ben organizzati e con’una evidente capacità militare. La sensazione, da chi osserva con attenzione l’intero quadro della situazione e non singoli casi, è che l’analisi e la conoscenza di quale sia il quadro criminale da parte dello Stato si sia fermato a un fotogramma molto vecchio e soprattutto non più corrispondente alla realtà di sistema.

Un resoconto del fatto

Annunci